Traduzione del carme LXXXV di Gaio Valerio Catullo
di Maria Francesca Cadeddu

Odi et amo. Quare id faciam fortasse requiris. 

Nescio sed fieri sentio et excrucior. 

Odio e amo. Per quale ragione io lo faccia, forse, ti chiederai.

Non lo so; ma sento che accade e mi tormento come in croce.

Comments

Popular posts from this blog

Alla mia professoressa di Latino e Greco

Sottosopra

Alla mia cara Sr. Giò che si è "accesa" in Cielo il 19 ottobre di questo 2016