Un passo della Seconda prova della Maturità Classica 2014 che mi ha fatto meditare e del quale propongo una mia traduzione che non abbisogna di altre parole...

δεινόν γε ἡ ἄγνοια καὶ πολλῶν κακῶν ἀνθρώποις αἰτία, ὥσπερ ἀχλύν τινα καταχέουσα τῶν πραγμάτων καὶ τὴν ἀλήθειαν ἀμαυροῦσα καὶ τὸν ἑκάστου βίον ἐπηλυγάζουσα. ἐν σκότῳ γοῦν πλανωμένοις πάντες ἐοίκαμεν, μᾶλλον δὲ τυφλοῖς ὅμοια πέπονθαμεν, τῷ μὲν προσπταίοντες ἀλόγως, τὸ δὲ ὑπερβαίνοντες, οὐδὲν δέον, καὶ τὸ μὲν πλησίον καὶ παρὰ πόδας οὐχ ὁρῶντες, τὸ δὲ πόρρω καὶ πάμπολυ διεστηκὸς ὡς ἐνοχλοῦν δεδιότες: καὶ ὅλως ἐφ᾽ ἑκάστου τῶν πραττομένων οὐ διαλείπομεν τὰ πολλὰ ὀλισθαίνοντες... (Luciano di Samosata, Contro un bibliomane ignorante, LVIII)

Terribile cosa è l'ignoranza, e causa di molti mali agli uomini: sparge una caligine sopra le cose fatte, colora di scuro la verità e nasconde nell'ombra la vita di ciascuno. Abbiamo tutti l'aspetto di quelli che vagano nel buio, come i ciechi, qua urtiamo, senza renderci conto, là passiamo oltre, inutilmente, questo che abbiamo vicino e d'innanzi ai piedi non lo vediamo, quello che lontano e di gran lunga distante lo temiamo come molesto: insomma, non smettiamo mai  nel tempo e nello spazio di scivolare nella maggior parte delle cose che ciascuno di noi fa... 


Comments

Popular posts from this blog

Alla mia professoressa di Latino e Greco

Sottosopra

Alla mia cara Sr. Giò che si è "accesa" in Cielo il 19 ottobre di questo 2016